Psicologia e psicoterapia dell’età evolutiva

Durante l’età evolutiva (3-18 anni) si affrontano molti cambiamenti, sia fisici che cognitivi ed emotivi. Questi cambiamenti sono comuni a tutti, ma non tutti hanno i mezzi emotivi, cognitivi e relazionali per affrontare tutto questo. Lo psicologo dell’età evolutiva dunque, dopo un’attenta valutazione, si occupa della salute psicologica dei minori e delle loro famiglie attraverso percorsi di sostegno psicologico, potenziamento delle funzioni cognitive ed esecutive, psicoterapie individuali o familiari e gruppi.

Psicologia e psicoterapia dell’età adulta

Nella vita possono capitare situazioni transitorie di disagio emotivo e di conflitto interiore. Altre volte il malessere può essere più pervasivo, sia rispetto alla durata che rispetto agli ambiti di vita (familiare, lavorativo, relazionale, sportivo, …). Lo psicologo si interessa del funzionamento psicologico delle persone, delle loro parti funzionali e di quelle disfunzionali e, dopo aver fissato degli obiettivi terapeutici, utilizza strumenti e conoscenze per raggiungere il maggior benessere possibile dell’individuo. La terapia può essere individuale, di coppia, familiare o di gruppo.